.


Totale accessi: 127922

Cerca


Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

CAPRONI Ca 311 PDF Stampa E-mail

Nel 1936 l’ing. Cesare Pallavicino realizzò, per le Officine Caproni, una famiglia di bimotori da ricognizione ed appoggio tattico per i reparti dell’Osservazione Aerea dell’Aviazione del Regio Esercito atti a sostituire i sorpassati Ro 37 nel medesimo compito. Il capostipite di questa numerosa famiglia fu il Ca 309 “Ghibli” al quale fece seguito il Ca 310 “Libeccio” che, avendo adottato motori più potenti e carrello retrattile, rappresentò un netto miglioramento. Il successivo Ca 311 volò per la prima volta il 1 aprile del 1939 ai comandi del pilota Ettore Wengi a Ponte S.Pietro (BG) e differiva dal modello precedente per le finestre laterali più ampie e per la fusoliera ridisegnata con un muso completamente vetrato e di tipo continuo senza lo scalino del parabrezza. In seguito questa soluzione presentò gravi inconvenienti di riflessione e distorsione della visibilità, per cui nelle serie successive si ripristinò il gradino del parabrezza; tale versione fu chiamata Ca 311 mod. (modificata). L’equipaggio era formato da due piloti in posizione affiancata ed un osservatore. I primi esemplari furono consegnati ai reparti nel 1939/40 e furono presenti su tutti i fronti bellici, da quello francese a quello nord africano, con esclusione dell’A.O.I. e dell’Egeo. In Russia furono anche usati in qualità di bombardieri tattici. Data la scarsa velocità il Ca. 311 fu spesso vittima della caccia avversaria. La fusoliera era costruita in lamiera e tubi d’acciaio e rivestita in parte di tela, l’ala di legno con armature metalliche era rivestita in compensato. L’armamento di lancio comprendeva tre mgt. da 7,7 mm. di cui una fissa alla radice dell’ala sx, una brandeggiabile posta nella torretta dorsale ed una in posizione ventrale retrattile. Bombe e spezzoni erano contenuti in fusoliera. Fu costruito in 320 esemplari, all’8/9/43 la R.A. ne contava 31 di cui 17 efficienti.  

 

Dati e caratteristiche:

 

Costruttore: Caproni Aeronautica Bergamasca (C.A.B.)

Motore: 2 Piaggio P.VII Rc 35 da 470 cv. stellari con 7 cilindri

Apertura alare: m. 16,20

Superficie alare: mq. 38,40

Lunghezza: m. 11,74

Altezza: m. 3,69

Velocità max.: Km/h 350

Velocità di crociera: Km/h 320

Salita a 4.000 m. in 14’

Peso totale: Kg. 4822

Peso a vuoto: Kg. 3460

Tangenza: m. 7400

Autonomia: Km 1600

Armamento: 3 mtg da 7,7 più 400 Kg. di bombe o spezzoni

 

ca._311_m r2

 

  

 

 

 
bottom

top
Copyright © 2009 Mauro Antonellini. Realizzato da Lorenzo Morselli. Webmasters: Lorenzo Morselli e Enrico Guerrini


bottom

Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla 1.5 Template, web hosting. Valid XHTML and CSS.