.


Totale accessi: 127922

Cerca


Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

CAPRONI Ca.100 PDF Stampa E-mail
Alla fine del 1928 sul campo di Milano-Taliedo il pilota collaudatore Domenico Antonini eseguiva il primo volo col prototipo del Ca.100. Nello stesso anno il celebre pilota Mario De Bernardi, sul campo di Montecelio, esaltava le qualità acrobatiche del nuovo aereo vincendo il concorso indetto dal Ministero dell'Aeronautica per un aereo da turismo e da addestramento per enti civili per le scuole di pilotaggio della Regia Aeronautica.
Il “Caproncino”, così veniva chiamato l’aereo, era una rielaborazione del De Havilland DH 60 Cirrus Moth di cui la Caproni aveva ottenuto la licenza di costruzione e si distingueva dall’originale inglese per il sistema invertito delle ali con quella superiore più piccola di quella inferiore. Era dotato di alette Handley Page sul bordo di attacco delle ali per aumentarne la portanza. Biplano, aveva struttura mista, biposto in tandem con doppi comandi e ali ripiegabili lungo la fusoliera per facilitarne il ricovero. Aveva inoltre carrello fisso e serbatoio posto in alto tra le due semiali. Sul Ca.100 vennero montati diversi motori con potenze variabili da 80 a 180 cv, il più diffuso era il Colombo S63 da 130 cv. Fu commissionato dalla R.A. nel 1930 che lo utilizzò nelle scuole di primo periodo fino al 1938 per poi sostituirlo col Ba.25. Alle numerose varianti si affiancò anche la versione idro dotata di due galleggianti in sostituzione del carrello.
Oltre che dalla Caproni fu costruito su licenza dalla Aermacchi, dalla C.A.B. e dalla CNA per un totale di 688 esemplari. In data 31/7/1943 ne esistevano ancora 241 esemplari e dopo l’8 settembre alcuni di questi furono utilizzati al Sud da qualche Squadron della RAF.


Dati e caratteristiche:


Costruttore: Società Caproni

Motore: Colombo S.63 da 130 cv.- con 6 cilindri in linea.

Apertura alare: m. 10

Superficie alare: mq. 24.44

Lunghezza: m.7,30

Altezza: m. 2,73

Velocità max.: Km/h 180

Velocità min.: Km/h 75

Salita a 3000 m. in 25’

Peso totale: 760 Kg.

Peso a vuoto: 500 Kg.

Tangenza: m.4500

Autonomia: Km. 600

ca100-rad_stor_gragnanopc2005

 

 
bottom

top
Copyright © 2009 Mauro Antonellini. Realizzato da Lorenzo Morselli. Webmasters: Lorenzo Morselli e Enrico Guerrini


bottom

Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla 1.5 Template, web hosting. Valid XHTML and CSS.