.


Totale accessi: 127930

Cerca


Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

FIAT BR 20 Cicogna PDF Stampa E-mail

Il BR 20, unico bombardiere bimotore largamente utilizzato dalla R.A. durante il secondo conflitto mondiale, fu creato dall’Ing. Rosatelli, responsabile di uno dei due uffici di progettazione della Fiat, e compì il primo volo il 10 febbraio ’36 presso l’Aeritalia di Torino, pilotato dal collaudatore Enrico Rolandi. Con ala bassa e carrello retrattile, di costruzione interamente metallica ad esclusione del rivestimento posteriore ventrale in tela, rispondeva alle specifiche del concorso per un bombardiere medio indetto dal Ministero nel 1934. Il primo impiego bellico si ebbe nella guerra di Spagna nel 35° gruppo “Le Cicogne” dal quale prese il nome, successivamente venne esportato in Giappone e utilizzato nelle operazioni in Manciuria. Furono realizzate anche due versioni civili BR 20 A e BR20 L impiegate per voli competitivi e record, fu inoltre realizzata una seconda variante militare la BR 20 M (modificata) del 1939 che vantava vari miglioramenti e soprattutto una diversa forma della prua, vetrata e più profilata. Al momento dell’entrata in guerra i BR 20, tutti portati alla serie M, intervennero sul fronte francese poi nell’ottobre 1940 ottanta BR 20 inquadrati nel CAI operarono contro l’Inghilterra da basi Belghe dimostrandosi inadeguati a tale impegnativo compito. Furono poi usati su Malta in Libia ed in Grecia. Nel corso del 1942 vennero progressivamente ritirati dalla prima linea e destinati alla ricognizione ed all’impiego tattico. In questa veste operarono in Russia e nei Balcani, zona in cui alla data dell’armistizio ne rimanevano 45 di cui 36 efficienti. L’operatività di questi bombardieri fu condizionata da ineliminabili vibrazioni dei motori peraltro non del tutto affidabili. Il numero di BR 20 prodotti fu di 512 di cui 279 M. La variante finale fu la BR 20 bis dotata di motori ed armamento difensivo più potenti con miglioramenti aerodinamici fu prodotta in appena quindici esemplari.


Dati e caratteristiche: BR 20 M

Costruttore: Fiat Aeronautica d’Italia Sa

Motori: 2 Fiat A 80 RC 41 da 1000 cv a 4100 m. radiali con 18 cilindri su due stelle

Apertura alare: m. 21,56

Superficie Alare: mq. 74

Lunghezza: m. 16,10

Altezza: m. 4,30

Velocità max: Km/h 432

Velocità di crociera: Km/h 335

Salita a 4.000 m. in 14’

Peso Totale: Kg. 10450

Peso a vuoto: Kg. 6850

Tangenza: m. 8000

Autonomia: Km. 2750

Armamento: 2 mitr. 7,7 – 1 mitr. 12,7 più 1000 Kg. di bombe fino a max 1600 Kg.

 

fiat br20 3r

 

 

 
bottom

top
Copyright © 2009 Mauro Antonellini. Realizzato da Lorenzo Morselli. Webmasters: Lorenzo Morselli e Enrico Guerrini


bottom

Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla 1.5 Template, web hosting. Valid XHTML and CSS.