.


Totale accessi: 127929

Cerca


Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

BREDA Ba 25 PDF Stampa E-mail

Questo biplano, dalla metà degli anni ’30 fino alla fine del secondo conflitto mondiale, fu il più importante aereo da addestramento utilizzato dalle scuole di volo italiane e dalla Scuola di Volo dell’Accademia Aeronautica di Capua, è stato quindi mezzo di formazione per la gran parte dei piloti italiani. Il prototipo volò per la prima volta nel 1932 a Sesto San Giovanni nel campo di volo della Breda, ditta costruttrice. Il Ba 25 era stato utilizzato a lungo quale addestratore di secondo periodo, poi, in seguito alle aumentate esigenze delle tecniche di pilotaggio, fu destinato al primo periodo. Era un aereo a due posti con abitacoli scoperti disposti in tandem dove l’allievo occupava la posizione anteriore. Era di costruzione mista, ala in legno, fusoliera in tubi metallici, copertura in tela. Le due ali, quella inferiore di minore apertura, erano tenute insieme da una coppia di montanti e da tiranti metallici. Aveva il carrello fisso ammortizzato e pattino in coda. Fu anche sviluppata la versione idro con galleggianti a scarponi utilizzata nelle scuole della specialità idrovolanti. Furono adottati vari tipi di motori: L’Alfa Romeo Lynx da 200 cv. (radiale 7 cil.), Alfa Romeo D2 da 240 cv. (radiale 9 cil.), Isotta Fraschini Asso 200 da 220 cv. (cil. In linea) e Walter Castor da 230 cv. La produzione per la R.A. fu di 719 esemplari e diversi furono venduti a privati e a club di volo civili. Dopo l’8 settembre alcuni esemplari equipaggiarono le scuole di volo della Aeronautica Nazionale Repubblicana. Il Ba 28 costituì il successivo miglioramento soprattutto in funzione acrobatica. Aveva alettoni su entrambe le superfici alari e un motore più potente (P.VII z da 390 cv) dotato di un doppio carburatore che permetteva il funzionamento del motore durante il volo rovescio.

 

Dati e caratteristiche Ba 25/Lynx:


 Costruttore: Soc. Italiana Ernesto Breda  

Motore: Alfa Romeo “Lynx” da 200 cv. stellare con 7 cilindri.

Apertura alare: m. 9,6

Superficie alare: mq. 25

Lunghezza: m. 7,8

Altezza: m 2,9  

Velocità max.: Km/h 205

Velocità di crociera: Km/h 160

Salita a 5.000 m. in 29’

Peso totale: Kg. 980

Peso a vuoto: Kg. 730

Tangenza: 6650 m  

Autonomia: 350 Km

 
bottom

top
Copyright © 2009 Mauro Antonellini. Realizzato da Lorenzo Morselli. Webmasters: Lorenzo Morselli e Enrico Guerrini


bottom

Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla 1.5 Template, web hosting. Valid XHTML and CSS.