.


Totale accessi: 79056

Cerca


Notice
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni con fini statistici. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

Mauro Antonellini
Gianni Widmer Aviatore di frontiera PDF Stampa E-mail

English version  bandiera_inglese

 

Gianni Widmer 

Aviatore di frontiera



Gianni Widmer nacque a Trieste il 25 aprile 1892, frequentò la scuola di volo civile de La Comina e conseguì il brevetto nel giugno 1911 a Taliedo. Subito dopo, pur potendo contare su un’esperienza limitatissima, effettuò la traversata Grado-Trieste imponendosi all’attenzione generale. Da quel momento fu un crescendo di attività: si impegnò nel raid Venezia-Trieste e, sempre nel 1911, partecipò a Wiener Neustadt alla prima gara internazionale di volo in Austria. Nel 1912 mise a segno forse il colpo più sensazionale della sua carriera: il raid Trieste-Venezia in occasione dell’inaugurazione del ricostruito campanile di San Marco e nel giorno del suo ventesimo compleanno. Lo stesso anno eseguì il suo primo tour nei Balcani: volò su Zara e su Spalato, poi su Lubiana, Zagabria, Belgrado, Sarajevo e da ultimo fu in Montenegro. Nel 1913 volle realizzare il sogno della sua vita, arrivare in volo a Roma. Ostacolato da inconvenienti tecnici e dal maltempo, il raid non fu portato a termine. Permise tuttavia a Widmer di farsi conoscere in diverse città della Romagna e delle Marche e nella Repubblica di San Marino. Venne poi la partecipazione alle giornate aviatorie di Napoli dove, ormai celebre e consumato aviatore, si confermò fra i protagonisti. Partecipò in seguito al Meeting internazionale di Vienna per poi ritornare su Zagabria e su Cettigne, in Montenegro. L’11 aprile del 1914 riuscì finalmente a realizzare il suo sogno raggiungendo Roma. La sua attività pionieristica si concluse con l’ultimo Meeting di Vienna del 1914, chiusosi proprio nei giorni dell’attentato di Sarajevo.


252 pagine, 149 foto a colori e b/n.

Formato 17 x 24, rilegato.

Testo italiano con traduzione completa in inglese.

Prezzo € 25,00 senza spese di spedizione

ISBN: 9788896944318

Casanova Editore Faenza.

 

 


 


 



 

Porto Corsini was an air naval base of Regia Marina and seat of a seaplanes squadron. In the last months of 1918 was U.S. Navy Naval Air Station the only acting in Italy.

 
 
Salvat Ubi Lucet (Italiano) PDF Stampa E-mail

English version  bandiera_inglese

 

Salvat Ubi Lucet


La base idrovolanti di Porto Corsini e i suoi uomini - 1915-1918


copertina_libro

Porto Corsini nella Grande Guerra fu base aeronavale della Marina italiana sede di una squadriglia di idrovolanti. Negli ultimi mesi del ’18 divenne Naval Air Station della U.S. Navy, unica operante in Italia.La prima parte del volume è costituita dalla cronologia degli avvenimenti a partire dal primo giorno di guerra, quel 24 maggio 1915 che vide l’attacco delle navi austriache a Porto Corsini, fino alla fine del 1918, partenza degli americani. La seconda parte è costituita da dodici biografie di personaggi che furono protagonisti di questa storia.


248 pagine, 312 foto in b/n, quattro tavole di profili a colori.

Formato 21x30, rilegato.

Prezzo € 30,00 senza spese di spedizione.

Casanova Editore Faenza.

google_ita

 

PayPal

Dove trovarlo:

cat_unico

 


 



 

Porto Corsini was an air naval base of Regia Marina and seat of a seaplanes squadron. In the last months of 1918 was U.S. Navy Naval Air Station the only acting in Italy.

 
bottom

top
Copyright © 2009 Mauro Antonellini. Realizzato da Lorenzo Morselli. Webmasters: Lorenzo Morselli e Enrico Guerrini


bottom

Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla 1.5 Template, web hosting. Valid XHTML and CSS.